Il Trono di Spade

Game of Thrones – le prime tre stagioni

da commons wikimedia
Natalie Dormer, una delle attrici di Game of Thrones

Il Trono di Spade (in inglese Game of Thrones) è un telefilm fantasy tratto dalla saga letteraria Cronache del ghiaccio e del fuoco (A Song of Ice and Fire) di George R. R. Martin. La storia è un po’ lunga da riassumere in poche righe ma si tratta di una lotta tra diversi schieramenti per prendere il controllo del trono di spade diventare re dei sette regni. A mio giudizio è uno dei telefilm migliori degli ultimi anni.

La storia come già detto deriva da un ciclo di romanzi e questo è già un vantaggio, in primo luogo è molto solida non ci sono punti deboli o cliché da telefilm, inoltre non sembra essere legata ad un fanservice o a particolari richieste degli attori che in caso di serie che hanno un grande seguito diventano piuttosto rilevanti spesso a discapito della creatività dell’autore della serie stessa, ad esempio in The Walking Dead all’opposto vediamo una fatica tremenda nel far morire i personaggi quando in realtà sarebbero sacrifici necessari, per quanto simpatici è proprio la loro caducità che li rende reali e ci fa simpatizzare per loro, quando vivono in una bolla di immortalità e di perfezione morale non hanno più molto da offrire, far morir loro a fine stagione rende solo noiose metà puntate e ti telefona il finale. Essendo la serie letteraria di Game of Thrones piuttosto in avanti (non è finita) rispetto a quella televisiva non corre il rischio di venire corrotta. In generale poi le idee ci sono e sono ben dosate, ogni puntata è diversa e mai ripetitiva, viene dato sempre ciò che si brama ed è uno spettacolo per gli occhi.

Altro punto a favore della trama è una grande quantità di personaggi ed un ricambio piuttosto fluido tramite la morte di questi (come già accenato prima), il che non vuol dire che i nuovi arrivati siano cloni dei precedenti, affatto, ogni perdita diventa un vuoto ed ogni nuovo arrivo è un arricchimento. C’è da dire che gli attori sono anche molto bravi, diretti bene e scelti con cura. Il nano è assolutamente credibile nella sua parte dopo miriadi di film di Hollywood in cui un nano è solo un nano qui abbiamo una figura forte e centrale del telefilm nonché uno dei personaggi per cui è più facile parteggiare nonostante sia un Lannister e quindi “cattivo” (ma essendo un opera completa la definizione di buono e cattivo è fortunatamente abbastanza fluida).

La ricchezza di scenografie, di attori e di comparse attesta che questa serie non ha paura di spendere i soldi e li spende molto bene, oltre a ciò non ha paura di infrangere vari tabù televisivi, mostra violenza e sadismo, uccisione di bambini, infanti e donne incinte, e in ultimo sono frequenti scene di nudo integrale sia maschile che femminile. Tutto ciò aiuta molto la serie si percepisce una notevole onestà intellettuale, una voglia di far bene e non solo di vendere oppure una consapevolezza che ciò che viene fatto bene venderà di sicuro.

Annunci
Standard

Rispondi

Inserisci i tuoi dati qui sotto o clicca su un'icona per effettuare l'accesso:

Logo WordPress.com

Stai commentando usando il tuo account WordPress.com. Chiudi sessione / Modifica )

Foto Twitter

Stai commentando usando il tuo account Twitter. Chiudi sessione / Modifica )

Foto di Facebook

Stai commentando usando il tuo account Facebook. Chiudi sessione / Modifica )

Google+ photo

Stai commentando usando il tuo account Google+. Chiudi sessione / Modifica )

Connessione a %s...