telefilm

Dexter, qualche riflessione

da wikimedia commons
Parte del cast di Dexter.

Dexter è una serie televisiva durata otto stagioni andata in onda dal 2006 al 2013 che narra delle avventure di un serial killer che lavora nella polizia e che per soddisfare le sue pulsioni malate si sfoga solo su gente che secondo un suo codice etico si merita di morire (altri assassini, ecc.). Il telefilm è basato sui personaggi del romanzo La mano sinistra di Dio di Jeff Lindsay di cui la prima stagione ricalca anche la trama, le stagioni successive invece non sono in relazione con i sequel letterari e purtroppo calano drasticamente di qualità. Gli episodi normalmente sono abbastanza godibili ma più si va avanti nelle stagioni più si fanno importanti le derive alla Beautiful, i colleghi di lavoro hanno sempre le loro relazioni tra loro neanche fosse d’obbligo l’endogamia all’interno del corpo di polizia. La felice famiglia di colleghi scricchiola di falso, fatto fuori Doakes alla fine della seconda stagione che portava un po’ di dinamica ai rapporti lavorativi il telefilm si appiattisce e si ammoscia. Dopo una terza stagione sottotono, la quarta riporta un po’ di linfa nuova grazie a un antagonista decente, il killer Trinity, concluso questo ciclo verranno proposte blande banalità nelle stagioni successive, con pochi sprazzi qua e là di innovazione. L’uscita di scena dei figli adottivi, sembra una toppa grande come una casa per una situazione che gli autori non sarebbero riusciti a gestire. Arriviamo all’ottava stagione in cui la serie è piuttosto stanca ma riesce in qualche modo a concludere, si perdona la redenzione di Dexter e Hannah solo in vista del finale che non prevede happy ending. La morte di Debra ci sta tutta, una buona opera d’arte che si rispetti vuole un po’ di sangue versato, soprattutto dei personaggi a cui ci si era affezionati; Debra è stato un gran bel personaggio nelle prime stagione per poi scadere pian piano verso le ultime, le parolacce che usava diventavano via via sempre più innaturali e stucchevoli. Non mi si fraintenda, alla fine il telefilm mi è piaciuto infatti mi sono visto tutte le stagioni, particolare menzione per la prima che è piena di idee, novità ed è scritta molto bene, inoltre va detto che in una serie con un argomento così pesante come quello degli omicidi seriali è d’obbligo una discreta dose di ironia che la prima stagione possiede ma che purtroppo calerà con il passare del tempo per diventare assente alla fine, c’è da precisare che anche gli omicidi di Dexter calano sensibilmente ma ciò non giustifica la mancanza di ironia, viene solo aumentata la seriosità (si badi che non è la serietà), proprio per questo il telefilm sarebbe potuto tranquillamente durare una o due stagioni in meno.

Annunci
Standard

One thought on “Dexter, qualche riflessione

Rispondi

Inserisci i tuoi dati qui sotto o clicca su un'icona per effettuare l'accesso:

Logo WordPress.com

Stai commentando usando il tuo account WordPress.com. Chiudi sessione / Modifica )

Foto Twitter

Stai commentando usando il tuo account Twitter. Chiudi sessione / Modifica )

Foto di Facebook

Stai commentando usando il tuo account Facebook. Chiudi sessione / Modifica )

Google+ photo

Stai commentando usando il tuo account Google+. Chiudi sessione / Modifica )

Connessione a %s...