The Middle

The Middle S5 Ep13 – Hungry Games

Eden Sher interpreta Sue Heck.

In questa puntata la famiglia Heck deve andare in un ristorante in cui, pagata una quota fissa, è possibile mangiare tutto a volontà. Affamati come non mai con la voglia di sfruttare al meglio questa situazione prima di recarsi sul luogo passano in chiesa. A causa di una banalità vengono fermati dal nuovo pastore che interroga loro uno a uno sul rapporto con il resto della famiglia. Riusciranno ad arrivare al buffet per il rotto della cuffia con un rinnovato spirito di unione familiare. L’episodio funziona tutti i personaggi sono ben rappresentati nei loro ruoli e l’episodio è piacevole. Non uno dei migliori in assoluto ma sicuramente non è tra quelli da dimenticare. Buono.

Annunci
Standard
Tutto in famiglia

Tutto in famiglia, una sit-com da dimenticare

da wikimedia commons
Noah Gray-Cabey che interpreta l’antipaticissimo Franklin Aloisius Mumford

Credo che Tutto in famiglia una sit-com prodotta dal 2001 al 2005 sia veramente una delle peggiori in assoluto, forse complice anche il doppiaggio; non so, non ho intenzione di guardarlo in lingua originale. Non funziona niente, i personaggi sono uno più antipatico dell’altro, qualche volta hanno ovviamente qualche gag che funziona ma tutto lì. Tutto il telefilm si incentra sull’uso della violenza (verbale) che hanno i genitori verso i figli e i due coniugi tra di loro e che si può riassumere in questo modo: “se non fai quello che ti dico ti riempio di botte”. Il figlio Junior viene trattato come un mentecatto e ovviamente la sua autostima è poca quando più o meno tutte le scienze dell’educazione ti dicono che se tratti tuo figlio come uno scemo lui sarà convinto di esserlo ed è quello che succede. La figlia di mezzo, Claire, è un’oca e la più piccola di nome Kady è già innamorata perdutamente di Franklin con cui condivide una sorta di relazione matura. La coppia di bambini che suppongo dovrebbe accattivarsi qualche tipo di simpatia puzza di falso e posticcio lontano un miglio. Il bambino Franklin (ne avevamo già accennato qui) è un pianista, un genio precoce, che dispensa consigli lal padre di famiglia, un bambino saggio, quando è proprio la saggezza la caratteristica che dovrebbe essere carente in un bambino (per quanto prodigio). Il rapporto tra marito e moglie e conflittuale e si basa sull’insicurezza di lei che spesso sfocia in prepotenza. Anche l’assoluta mancanza di rispetto per la privacy dei propri figli è aberrante. In ultimo a un certo punto della serie Junior diventa padre in giovane età (fa ancora la scuola credo), la cosa rende la serie ancora più agghiacciante e le gag vengono sacrificate in nome di un’intollerabile seriosità.

Insieme ad altri telefilm come Settimo cielo Tutto in famiglia è un esempio di come non trattare i rapporti familiari e di come sia possibile creare un opera di un’antipatia totale. Insopportabile.

Standard