The Walking Dead

The Walking Dead S4 Ep11 – Salvare il mondo

foto di Jorge David

Puntata divisa in due differenti sottotrame: Michonne, Rick e Carl che allo sbando tentano di sopravvivere e le vicende di Glenn e dei suoi nuovi compagni di viaggio che devono salvare il mondo e trovare sua moglie. In una seconda metà di stagione in cui si alternano alti e bassi si può dire che questo episodio sia decisamente positivo, la narrazione è scorrevole e si raccontano storie di sopravvissuti e sopravvivenza in modo tutto sommato realistico. La tensione permea molte scene. Rick che rimasto solo a casa deve in qualche modo sopravvivere è la parte più riuscita, poiché è senza pietà ma a chi deve sopravvivere viene giustificato tutto. Molto buono.

Standard
The Walking Dead

The Walking Dead S4 Ep10 – Detenuti

foto di Dfoulk1

In questo episodio di The Walking Dead ritroviamo i vari gruppi di sopravvissuti che allo sbando cercano di ritrovarsi l’un l’altro. La puntata si svolge piattamente, le idee non ci sono e dà l’impressione di dover essere  un episodio necessario e di raccordo piuttosto che qualcosa scaturito dalla voglia di raccontare qualcosa. Le figlie di Hershel sembrano essersi accorte solo ora di essere in un mondo di zombi, prendono decisioni avventate e pare che siano sconvolte dagli avvenimenti recenti, quando la morte di famigliari e amici le perseguita da almeno due stagioni. Il macello della carne di cannone presente in questo episodio non fa nè caldo nè freddo, cui prodest? Pare impossibile che in un mondo infestato da anni da una calamità come questa non ci sia stata alcuna selezione e che i personaggi continuino a ripetere sempre gli stessi errori, a struggersi enormemente per una perdita senza ritrovare la lucidità in poco tempo. Unica nota positiva è il rapporto delle bambine con il nuovo mondo che sfocia in una voglia di sopravvivenza che giustifica tutto ma è troppo poco. Insufficiente.

Standard
The Walking Dead

The Walking Dead S4 Ep9 – Smarriti

Foto di Bob Jagendorf.

Riprende dopo la lunga pausa natalizia la serie di The Walking Dead con una puntata in cui troviamo Rick e il figlio a spasso dopo il massacro e la diaspora dell’episodio precedente. Il padre mezzo moribondo entrerà in uno stato di incoscienza mentre il figlio se la dovrà cavare da solo riflettendo in qualche misura l’entrata nell’adolescenza. Nel frattempo Michonne vaga senza meta alle prese con i fantasmi del passato, a fine puntata reincontrerà gli altri due. Pochi personaggi, qualche brivido e un po’ di tensione rendono l’episodio godibile e lontano dalle pagliacciate amorose e politiche che si erano viste nelle ultime stagioni (non a caso Romero considera la serie una soap opera con qualche zombi occasionale). C’è da vedere cosa accadrà nella prossima puntata che pare narrare le vicende degli altri membri del vecchio gruppo, per tornare sui giusti binari la serie dovrebbe sacrificare un po’ di personaggi importanti e non la solita carne da cannone senza storia a cui non è possibile affezionarsi. In conclusione l’episodio odierno fa ben sperare sebbene sia stato un po’ annacquato e a volte sia risultato un po’ lento. Buono.

Standard